Trump ha vinto. Eppure era facile…

Trump ha vinto

Quando Trump ha iniziato a correre per la Presidenza ho pensato fosse uno scherzo. Eravamo in tanti a pensarlo. Era solo un parrucchino biondo che voleva farsi vedere. E…. e… ora Trump ha vinto.

Lo ripeto, perché potrebbe risultare scioccante a molti: Trump è il nuovo Presidente degli Stati Uniti D’America con un nettissimo vantaggio (mi sembra abbia ottenuto il 58%) sulla Clinton.

Io ieri notte ero andato a letto tranquillo

Trump ha vinto

Hillary favorita, Trump sotto il 48% e una lunga nottata di sogni d’oro.

Ecco come sono andato a letto ieri notte. Sicuro che la Clinton avrebbe vinto e Trump sarebbe finalmente andato via da ogni articolo di giornale.

Poi mi sveglio.

Sono le 7.20 del mattino e vedo un messaggio di mio fratello, inviato alle 5.30. Diceva:

“Trump sta vincendo”

Penso sia uno scherzo. Lo spero.

Controllo subito sull’Ansa. Tempo due secondi e mi trovo lì davanti il titolone “Trump conquista la maggioranza”.

Non ci credevo ancora. Ho letto più giornali. E alla fine non ce l’ho fatta.

Sono impazzito

woman-1756730_1280

Sono andato a scuola e sono impazzito. Non riuscivo ancora a credere che Trump avesse vinto, e ne ho parlato per ben tre ore con tutti i miei compagni di classe.

Tutti increduli come me, alcuni felici e alcuni no, ma tutti consapevoli del fatto che era un risultato del tutto inaspettato.

 

Ho pensato, per un momento, che si potesse ancora trovare una soluzione. Magari ha comprato i voti. E’ quello che ha pensato anche mio padre.

Ma la mia risposta è solo stata: “Non ha comprato i voti, è solo che la gente è stupida”.

Chiaramente intendo che è stata stupida in questo caso, ma vi assicuro che è difficile pensare che sia stato uno “sbaglio non voluto”. Alla fine, bastava analizzare per due secondi (DUE) i discorsi di Trump per rendersi conto di chi si stava votando.

E quello è il punto cruciale.

Il voto è sovrano e gli elettori avranno ciò che hanno votato: il nulla cosmico. 

Il problema sono tutti quegli elettori che volevano un Presidente che potesse includere, e non tornare indietro di almeno 50 anni. Volevano un Presidente pacifico e che non ha bisogno di piccoli strategemmi xenofobi, razzisti e omofobi per vincere.

Trump le ha proprio tutte invece

avventura in Inghilterra

Non è passato un giorno in cui non si scopriva qualcosa del passato di Trump.

Un passato di omofobia, xenofobia e misoginia che ancora oggi pervade la sua passata campagna politica. Una campagna basata sul puro Nazionalismo Americano senza porsi alcuna domanda su cosa è attuabile o meno e su cosa rende un Presidente tale di essere chiamato con quel nome.

Anche lui, probabilmente, lo aveva preso come un gioco.

Il problema, ora, è che non lo è più.

Trump ha vinto. E Trump è il nuovo Presidente della Nazione più potente al Mondo sotto diversi punti di vista.

E’ deprimente. Per me, per tanti, per tutti coloro che auspicavano di meglio per quella che una volta era una piccola colonia basata sulla libertà.

Per tutti coloro che si sentono allibiti da come un foltissimo gruppo di Americani (oltre la metà) abbia deciso di escludere, eliminare, fare muri, costruire blocchi. Hanno deciso di costruire un muro insormontabile in cui solo loro potranno vivere.

Trump realizzerà quest’opera?

Boh. Penso che Trump farà poco e nulla e spero che la gente si renda conto della boiata che ha fatto entro il primo mandato.

Ma il problema è:

Come diamine ha fatto a convincerli così?

puzzle-1243091_1280

 

 

Che la politica attuale sia un fallimento è noto a tutti. Ma che sia talmente tanto un fallimento da portare la gente a votare una persona apertamente xenofoba è veramente assurdo.

Io non so se Trump odi gli stranieri, i gay, o le donne. E non lo so perché le elezioni Americane sono state un teatrino e perché lui ha fatto una campagna di comunicazione mediatica pressocché perfetta (basata anche sulle bufale per attrarre persone).

Lo penso? Sì.

Ne posso fornire prove? sì, alcune. Trump ha fatto una marea di affermazioni xenofobe e misogine.

Ma il punto non è questo.

Il punto è che queste affermazioni hanno convinto il suo elettorato a votarlo. Infatti, al di là della comunicazione mediatica e delle ipotetiche balle sui suoi  progetti… la gente li ha voluti. E li vuole.

Queste affermazioni, apparentemente crudeli e insensate, facevano parte della sua strategia. Una strategia basata sulla più becera sensazione di essere superiori in ogni ambito e che qualsiasi cosa sia un problema che lui risolverà.

A parole.

A parole.

A parole.

Perché Trump ha dimostrato spesso di non avere nessuna idea concreta per risolvere i problemi che dice di riscontrare.

Ma l’hanno votato comunque. Per “cambiare le cose”, per “una spinta avanti”.

Beh, statunitensi…

Le spinte avanti si possono dare anche senza mettere al potere dello Stato più autoritario del Mondo un uomo senza idee, pieno di odio nei confronti di chissà quante etnie e categorie sociali, che è lì a sbraitare sui banchi e insultare gli altri candidati.

Non c’era proprio bisogno.

Era proprio facile

I miei consigli

E’ proprio questo che mi stupisce. Che era proprio facile.

Era proprio dannatamente facile.

Non era un voto difficile che richiedeva impegno ed analisi. Non era un voto in cui dovevi informarti particolarmente.

Basta analizzare la situazione un attimo per affermare, all’unisono spero: NON TRUMP.

Non era importante chi. Sanders, Clinton, CHIUNQUE. Anche il gatto più famoso del web o la rana dei meme. Ma NON Trump. Un uomo colmo d’odio e discriminazione che non vedeva l’ora di poterla esprimere come risultato della sua campagna elettorale.

Ah, e ps, ha anche pessimi rapporti con sostanzialmente tutto il Mondo.

Io sono preoccupato, spaventato e piuttosto triste per ciò che è accaduto. Ma così è stato deciso, e così se lo sorbiranno.

Buona fortuna.

NB: scusate se ho usato immagini vecchie e c’è qualche errore. Volevo solo sfogarmi anche qui 😉

Opt In Image
Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Iscriviti alla Newsletter di PensandociBene e ricevi gratis tutti i contenuti!

Ciao!

Se sei uno studente impegnato o un lavoratore, probabilmente non hai tempo di controllare costantemente il blog - anche se saresti interessato a farlo (ti prego, dimmi che è così!).

Proprio per te, o per persone che hanno lo stesso tipo di problema, ho creato la Newsletter ufficiale di PensandociBene!

Iscrivendoti, potrai ricevere contenuti esclusivi, rimanere aggiornato su tutti i contenuti pubblicati ed avere un contatto diretto con me (così potrai decidere la priorità di determinati articoli).

Che dici... ti va? 😉

PS: I TUOI DATI NON VERRANNO CEDUTI A TERZI E NON TI INVIERO' SPAM